Stai leggendo: EMPIRE, la realtà dietro la finzione: ecco chi è “davvero” Lucious Lyon

Prossimo articolo: Riviera: confermata la seconda stagione con Julia Stiles

Letto: {{progress}}

EMPIRE, la realtà dietro la finzione: ecco chi è “davvero” Lucious Lyon

Quali figure della scena rap americana hanno ispirato gli autori di Empire?

0 condivisioni 0 commenti

Empire, il nuovo musical-drama targato FOX, racconta la storia di Lucious Lyon (Terrence Howard), ex delinquente di strada che nel corso della sua vita è riuscito a portare al successo la Empire Entertainment, un colosso della musica hip hop che fattura miliardi di dollari.

Ma questo, ormai, dovreste saperlo visto che fin dal suo esordio oltreoceano la serie è stata salutata come il fenomeno televisivo del 2015.

| Potrebbe interessarti anche: EMPIRE, il “Dinasty di colore”: un successo assicurato |

Quello che forse non sapete ancora è che Lucious sarebbe la trasposizione televisiva di due rap-star made in USA. Già, secondo vulture.com gli autori di Empire si sarebbero ispirati per il 60% a Suge Knight e per il 40% a Jay Z.

Suge Knight è il cofondatore della Death Row Records, etichetta discografica diventata negli anni ‘90 il punto di riferimento per la scena gangsta rap.

Non finisce qui: come il protagonista di Empire, Suge ha avuto qualche problema con la legge (per usare un eufemismo). Vi basti sapere che è stato uno dei principali sospettati per gli omicidi di The Notorious B.I.G. e 2Pac – implicazione mai dimostrata, va detto – e che nel momento in cui scriviamo è in carcere in attesa di giudizio con l’accusa di omicidio.

Ricorda da molto vicino il nostro Lucious, non trovate?

Anche l’altro rapper a cui gli autori si sarebbero ispirati, Jay Z, condivide con il fondatore della Empire Entertainment un travagliato passato sulla strada. “So gestire un budget, ero un trafficante di droga. Quando spacci, devi sapere quanto puoi spendere e quanto puoi guadagnarci” ha dichiarato Jay Z a Vanity Fair nel 2013.

Parole che ricordano da molto vicino quelle che Lucious ha proferito (o proferirà, per noi italiani) al consiglio di amministrazione della sua etichetta nell’episodio pilota: “Ho iniziato a vendere droga quando avevo 9 anni. Lo facevo per comprarmi da mangiare. Ma era la musica che avevo in testa che mi teneva in vita quando pensavo che mi avrebbero sparato”.

Ora che conosciamo meglio la realtà che ha ispirato la finzione televisiva non ci resta che aspettare martedì 3 marzo con il primo episodio di Empire in prima visione assoluta su FOX.

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.