Stai leggendo: La rabbia di Mellie in Scandal è la rabbia di tutte le donne tradite

Prossimo articolo: Le donne forti della TV: Gomorra, le figure femminili dietro al successo della serie

Letto: {{progress}}

La rabbia di Mellie in Scandal è la rabbia di tutte le donne tradite

FoxLife, La Casa delle Emozioni, racconta con un emozionante video la storia di Mellie Grant

0 condivisioni 0 commenti

È un sentimento che ti rode fin dentro l’anima, può sedimentare per anni, sconvolgere la tua quotidianità poco a poco, oppure accecarti all’improvviso e farti esplodere in un baleno. Questa è la RABBIA, un’emozione primitiva, una tra le più precoci che si sviluppano, tanto che la possiamo ritrovare anche nei bambini molto piccoli e nelle specie animali.

È un’emozione che storicamente ha ribaltato il mondo, nel bene e nel male, perché la rabbia può provocare guai e danni, ma può anche essere un motore così forte da spingere le persone a cambiare ciò che le fa tanto arrabbiare.

Certo, il confine è molto labile. Mellie Grant, la moglie del presidente Fitz in Scandal ha fatto della rabbia la sua spinta più forte per ottenere quello che voleva. Una rabbia che nasce dall’ambizione, dal potere, dall’orgoglio e che l’ha portata a mandare giù bocconi amari pur di raggiungere i suoi obiettivi: diventare la first lady d’America. Ma quanto ha dovuto sacrificare per arrivare alla Casa Bianca? Guardate questo video che ripercorre la sua storia fatta di tradimenti, frustrazione, rabbia.

Com’è riuscita Mellie a passare sopra al fatto di essere sposata con un marito che ama un’altra donna? Un Fitz che ama Olivia Pope in un modo così appassionato, viscerale, puro, istintivo… un amore che Mellie non ha mai conosciuto. E allora la domanda è: si può controllare la rabbia con così tanta precisione da non farsi accecare? Mellie ce l’ha fatta. Hillary pure. Era il 1995 quando il marito Bill Clinton, l’allora Presidente degli Stati Uniti d’America cominciava una relazione con Monica Lewinsky, stagista alla Casa Bianca. La storia diventò pubblica 3 anni dopo. Ma Hillary già sapeva? Sapeva e si è tenuta dentro la rabbia per questo tradimento oppure l’ha scoperto insieme al resto del mondo? Ed è stata fedelmente accanto al marito mostrando un perdono che l’avrebbe avvicinata a tutte le donne d’America (e che forse l’avrebbe aiutata ad ottenere voti anni dopo) oppure l’ha perdonato davvero e l’ha realmente sostenuto come fa una moglie quando il marito, anche se in torto, è in difficoltà?

Bellamy Young, l’attrice che interpreta Mellie in Scandal, dice che la forza di questa serie tv è la sua capacità di mostrare come la posta in gioco a Washington sia sempre molto alta: secondo noi è assolutamente possibile che Shonda si sia ispirata alla realtà della Casa Bianca per creare il triangolo tra Fitz, Mellie e Olivia.

E forse si sarebbe potuta ispirare anche alla rabbia di Valérie Trierweiler che ha incanalato tutto il suo sconforto e la sua ira in un libro di grandissimo successo in Francia “Merci pour ce moment” (letteralmente “grazie per questo momento”) in cui racconta della sua relazione con il politico François Hollande che la tradì e la portò ad un forte esaurimento nervoso.

Ma non c’è bisogno di andare oltreoceano o oltralpe per trovare donne furiose: Veronica Lario inviò una lettera addirittura a Repubblica per chiedere le scuse ufficiali al marito Berlusconi che aveva rivolto frasi galanti ad alcune signore presenti alla cerimonia dei Telegatti.

La rabbia, care amiche di FoxLife, non è solo nelle serie tv o nelle vite di donne di successo che hanno sposato uomini potenti. La rabbia è nella vita di ognuna di noi, forse anche ogni giorno, a causa di gesti piccoli o enormi. Qual è la storia che vi ha fatto arrabbiare, infuriare, scalpitare? Raccontatecelo con una foto sul wall della casa delle Emozioni e potrete diventare le protagoniste del nuovo spot di FoxLife.  Ecco come fare:

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.