Stai leggendo: Cosa dobbiamo aspettarci da Scandal 4?

Prossimo articolo: Law & Order: in arrivo un episodio sullo scandalo Weinstein

Letto: {{progress}}

Cosa dobbiamo aspettarci da Scandal 4?

Cinque cose da sapere sulla nuova stagione di Scandal

0 condivisioni 0 commenti

Quali “Scandal” ci attendono nella quarta stagione del political-thriller creato da Shonda Rhimes? Non vogliamo farvi spoiler, ma ecco un po' di cose che vi dovete aspettare da Olivia Pope & Co da questa sera, alle 21.50 in prima assoluta su FoxLife.

1) Harrison è morto per davvero e la sua dipartita non sarà indolore per nessuno.

2) Olivia e Jake torneranno a Washington. Non solo: Foley, l’attore che nella serie interpreta Jake, confessa che ci “ci sarà una chiara comprensione circa le intenzioni e i si sentimenti di Jake verso il B613 e verso Olivia”.

3) Questa volta il Presidente fa sul serio, Fitz ha grandi progetti per il suo secondo mandato. Insieme al suo braccio destro Cyrus, il Presidente proporrà un radicale e scioccante programma politico.

4) Ci aspetta una Mellie diversa. La first lady reagirà in modo sorprendente alla morte del figlio, ponendosi delle nuove domande, più esistenziali che politiche.

5) Rowan, il padre di Olivia, è sempre il cattivo della serie. Sebbene quello che si è scoperto sulla madre di Olivia, il padre rimane un uomo molto abile e pericoloso. “La cosa grandiosa di Rowan è che è un grande giocatore di scacchi” spiega lo stesso Joe Morton. “Se si gioca veramente bene a scacchi, non solo imposti la tua prossima mossa, ma anche tutto ciò che ti consente una via di fuga oppure un’altra via di attacco”.

Cinque tasselli fondamentali per quella che si preannuncia una stagione da urlo. Noi non vediamo loro, e siamo pronti a scommettere nemmeno voi. Appuntamento a stasera, quando scopriremo se Olivia ritroverà finalmente il sorriso, o no.

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.