Stai leggendo: La quiete del Dr. Bollore

Prossimo articolo: Downton Abbey: la mostra itinerante arriva a New York!

Letto: {{progress}}

La quiete del Dr. Bollore

A 41, dopo una vita di eccessi, Eric Dane ha raggiunto la serenità

0 condivisioni 0 commenti

Una vita scombussolata quella di Eric Dane alias il Dr. Bollore. A 18 anni lascia la sua città, nei paraggi di San Francisco, per andare a Los Angeles con 40 dollari in tasca. L’obiettivo era quello di tutti i ragazzi che raggiungono la città degli angeli: avere successo e diventare un attore famoso. Ma è lo stesso Dane che confessa che per 8 anni non combina niente, se non mettersi ripetutamente nei guai.

Poi però, nel 2006, arriva il successo con Grey’s Anatomy. L’attore entra nella serie molto poco vestito e diventa subito un sex symbol.

I problemi però per Dane non sono ancora finiti. Nel 2009 viene divulgato in rete un video bollente con sua moglie Rebecca Gayheart e un’altra donna.

Nel 2011 inizia ad abusare di analgesici inizialmente prescritti per un infortunio sportivo. “Mi avevano dato moltissime pillole da prendere per l’infortunio e, essendo stato un alcolizzato in riabilitazione, non è stata un’ottima idea. Ho dovuto rimboccarmi le maniche e affrontare il problema”.

Ma Eric è un osso duro e non si arrende tanto facilmente. Oggi è felicemente sposato e con due bellissime figlie ed ha anche ottenuto il ruolo di attore protagonista di una serie prodotta dalla TNT The Last Ship. Adesso è un padre modello e trascorre una vita tranquilla sulle colline di Hollywood:

Non riesco a dire di no alle mie figlie: mi fanno sciogliere. Sono veramente felice di avere una famiglia così: penso proprio di essere al posto giusto nel momento giusto. E sono molto felice”.

E noi lo siamo per lui. Perché ha davvero lasciato un bel segno nei nostri cuori quando è morto in Grey’s Anatomy: ve lo ricordate il suo addio? Leggete qui.

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.