Stai leggendo: Episodio 5: Ristorart

Letto: {{progress}}

Episodio 5: Ristorart

Roma, zona Tiburtina: Antonino Cannavacciuolo corre in soccorso del Ristorart

0 condivisioni 0 commenti


Stefano e Pino sono fratelli, titolari del Ristorart di Roma, in zona Tiburtina, e sono entrambi cuochi. Il loro ristorante è nato dal precedente fast food che gestivano, ma in cucina due cuochi sono troppi. Soprattutto quando sono fratelli: paradossalmente, l’intimità fra framigliari scatena litigi più frequenti e più duri. L’arrivo delle mogli dei due fratelli, che lavorano come cameriere nel locale, non ha fatto che esacerbare la situazione. 


Quando le difficoltà economiche rendono la situazione difficile, Rita - la mamma di Stefano e Pino - lavora al Ristorart per dare una mano, ma la sua presenza non calma la tensione fra fratelli, anzi. Il risultato? Un clima di continua tensione, un ristorante a un passo dalla chiusura dopo venticinque anni di lavoro e una cucina in cui comandano in due, il che significa piatti mal riusciti, scarsa igiene, nessuna organizzazione. Al suo arrivo, Cannavacciuolo nota subito che il menu è troppo ricco. Per leggerlo “ci vuole una settimana” e noi ormai sappiamo come la pensa il nostro superchef: un menu curato, non troppo lungo, che unisca bontà e semplicità. 


Non è certo il caso del menu del Ristorart: la qualità delle materie prime, come in tutti i casi di ristoranti in difficoltà visti finora a Cucine da incubo, lascia alquanto a desiderare. E già dopo le prime due critiche, Stefano dà la colpa a Pino e si innervosisce parecchio. Continua ad incolpare suo fratello, che a un certo punto risponde facendo la stessa cosa. Fra i due, quello più calmo è sicuramente Pino, che non dice nulla quando Stefano brucia la pizza. I due fratelli, però, sono in competizione. Non collaborano: si sfidano. Si danno la colpa a vicenda. E un piatto dopo l’altro... Il disastro peggiora sempre più.


I problemi ormai sono quelli che abbiamo imparato a riconoscere anche noi: scarsa qualità delle materie prime, mancanza di organizzazione, confusione fra i ruoli. Quando Cannavacciuolo incontra i due cuochi, non usa mezze misure: si sente prendere in giro perché i due fratelli non ammettono subito di aver usato diversi cibi congelati. A questo punto scatta lo sconforto: tutti si rendono conto di aver fatto una pessima figura e si mettono in discussione. La sera, all’apertura del ristorante, Cannavacciuolo entra in cucina per osservare ma inizia subito a dare qualche suggerimento: mancano le basi. 


Stefano è sempre molto nervoso. Le discussioni sono continue, e si sentono anche in sala. Ai tavoli arrivano le comande sbagliate. Non c’è comunicazione fra il personale. I piatti tornano indietro perché sono cattivi, crudi o scotti; i litigi coinvolgono anche il personale di sala. E alla fine Pino se ne va... Incredibilmente, poco dopo Stefano lo segue e la cucina resta vuota! Morale della favola: la mamma in lacrime, i clienti insoddisfatti e Cannavacciuolo costretto a prendere in mano la situazione. Si fa addirittura il segno della croce dopo aver aperto il frigo: sarà dura. Molto, molto dura. Fortunatamente, anche Antonino Cannavacciuolo è “duro”: è uno che non molla


E con una mostra di foto dei suoi piatti a una galleria d’arte, insieme ai piatti del Ristorart, ottiene l’effetto sperato: lo shock che serviva al personale per avere voglia di ricominciare. Dalla cucina alla sala, dal restyling alla riorganizzazione della cucina, dal nuovo menu ai due cuochi ammanettati per imparare a lavorare insieme, la magia è fatta: alla riapertura, il Ristorart è completamente rinnovato. Nella forma e nella sostanza. Il giorno del riscatto è arrivato, anche grazie al tempestivo intervento di Cannavacciuolo al riemergere dei vecchi problemi. Come sempre: missione compiuta.

Commenta

Leggi anche

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.