Stai leggendo: Episodio 9.21: Il mostro dormiente

Prossimo articolo: Outlander 3: recensione di La prima moglie, l'ottavo episodio

Letto: {{progress}}

Episodio 9.21: Il mostro dormiente

È il momento della verità: stiamo per sapere chi è il responsabile delle infezioni postoperatorie che hanno ucciso tre pazienti del Grey Sloan Memorial

0 condivisioni 0 commenti


Le infezioni sono come mostri dormienti: non puoi vederli, non puoi sentirli ma devi fare tutto ciò che puoi per contenerli. Perché quando si svegliano vanno subito fuori controllo. Ecco cosa ci racconta la voce della dottoressa Bailey all’inizio della nuova puntata di Grey’s Anatomy, quella trasmessa in prima visione ieri sera da FoxLife. Come ricorderete, la settimana scorsa avevamo scoperto che la Bailey era entrata in contatto con tutti i pazienti colpiti da infezioni post-operatorie (con due decessi). Le responsabilità sono ancora da accertare, ma nel frattempo la Bailey è sospesa e secondo Alex stanno cercando di farla fuori (cosa non vera, ovviamente).


Nel frattempo la nonna di Ethan è finalmente arrivata per prendersi cura di lui, mentre la mamma si rimette e il papà è ancora privo di conoscenza; April è stata lasciata da Matthew per avergli mentito, e naturalmente se la prende con Jackson. Come se fosse solo colpa sua... Un romanzo che stavo leggendo proprio ieri sera, prima di addormentarmi dopo la puntata, affermava che quando una relazione va a rotoli la colpa non è mai di un solo membro della coppia. Una grande verità, non trovate? Una delle verità che fra l’altro gli autori di Grey’s Anatomy hanno dimostrato di sostenere in questi anni, mostrandoci i problemi e le difficoltà di comunicazione fra le varie coppie. Anche i problemi famigliari raramente dipendono solo da un membro della famiglia. Lo dimostra il drammatico - ma narrato con leggerezza - caso della rimpatriata famigliare che si conclude con svariate amputazioni e ossa rotte.


Ma il vero punto di forza della puntata è la dottoressa Bailey che, di fronte al capo della commissione del CDC (il Centro per il Controllo delle Malattie), ripercorre mentalmente ogni singolo intervento a cui è seguita una infezione da stafilococco aureo, dimostrando quanto sia difficile raccontare a un estraneo procedure e attenzione per i propri pazienti al tempo stesso. Mentre nessuno, fra l’altro, vuole darle notizie di Seth, il terzo paziente che rischia la vita. Noi la “conosciamo”, come personaggio e come medico, da nove anni. Ci fidiamo di lei, conosciamo le sue grandi capacità e ovviamente siamo dalla sua parte. Quindi la tensione, mentre tutti cercano di capire se ha commesso qualche leggerezza, è altissima.


Ma la tensione non si ferma lì. Ci siamo abituati, no? Il ritmo cresce, fino al culmine, portando suspense per la sorte di altri tre pazienti: il neonato che sta operando Cristina, la madre di Seth (che muore in ascensore prima che possano fare qualcosa) e Seth, il paziente della Bailey. Senza contare la rissa famigliare in sala d’attesa. E alla fine viene confermato che la Bailey è la portatrice dell’infezione. Non sappiamo se e come riuscirà a superare la notizia. Ce lo chiediamo fino a quando il CDC ci informa del risultato completo delle indagini. La Bailey era portatrice, sì, ma i guanti acquistati mentre c’era la Pegasus erano difettosi. Un sollievo, pare. Per tutti... Ma non per Miranda Bailey. Soprattutto dopo la notizia della morte del suo terzo paziente. E quella del tradimento del suo mentore...

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.