Stai leggendo: #SaveTheTable - Mattonelle: nuove protagoniste!

Prossimo articolo: Parla con Lei 2 torna a settembre: sarà amore a prima vista?

Letto: {{progress}}

#SaveTheTable - Mattonelle: nuove protagoniste!

La Creme Brulè di zenzero e cioccolato preparata dalle amiche di The Taste For Food - autrici di #SaveTheTable la rubrica fotografica di @FoxLifeit – ha un sapore tradizionale e una Mise en Place a tratti orientale.

0 condivisioni 0 commenti

Dal 1691, anno di nascita della creme brulè, ai nostri tempi; dalla Francia all’Italia, dove qualcuno l’ha ribattezzata “crema bruciata”; dalle ciotole d’argento di @Antoninochef alle mattonelle di The Taste For Food, #SaveTheTable propone una rivisitazione della Creme Brulè di zenzero e cioccolato.



Preparata con ingredienti piccanti e afrodisiaci che rallegrano il palato di chi li assaggia, la ricetta della Cremè Brulè, pensata da Antonino Cannavacciuolo per risollevare le sorti di uno dei ristoranti di Cucine da Incubo, cambia aspetto e da dolce tradizionale diventa un dessert orientaleggiante dalla preparazione davvero semplice. Guardatela qui!



L’allegra Mise en Place proposta da The Taste For Food valorizza questo aspetto utilizzando delle mattonelle come vassoi per le ciotole che ricordano i tavoli marocchini.


Ed inoltre suggerisce, punto per punto, un allestimento insolito dai toni accesi nei colori:



  1. Per prima cosa: dopo lavori di ristrutturazione, manutenzione e simili non buttate nulla, tutto può essere riciclato!

  2. Nella nostra proposta abbiamo utilizzato delle mattonelle colorate come piatti, esaltano i colori della ricetta e divertono tantissimo. Quindi, via alla ricerca di pezzi unici, anche per mercatini e fiere!

  3. La tavola è allestita all’aperto e, come centrotavola, abbiamo usato la riproduzione in ceramica di una mela verde, accompagnata da una piccola pera bianca.

  4. Ricordate che i dolci al cucchiaio si chiamano così proprio perché devono essere mangiati con il cucchiaio, quindi non dimenticatelo!

  5. Le tavole devono divertire, stupire e rallegrare, un po’ come i cibi che gustiamo, ci devono lasciare qualcosa, quindi, senza esagerare, ma utilizzate sempre anche le cose più insolite.


 

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.