Stai leggendo: Episodio 9.18: Mani in mano

Prossimo articolo: Will & Grace: Debra Messing e il fan grato alla serie per averlo aiutato a fare coming out

Letto: {{progress}}

Episodio 9.18: Mani in mano

Adattarsi, mantenere la calma, unire pazienza e passione. Difficile, ma non impossibile. Almeno per i medici di Grey’s Anatomy

0 condivisioni 0 commenti


Il lavoro ci tiene la mente occupata, e ci tiene fuori dai guai. Una piccola, grande verità. L’attaccamento al lavoro è dato da un insieme di fattori: passione, realizzazione, convinzione di fare qualcosa di utile, e molto altro. Nel caso di un chirurgo, il fine ultimo è salvare vite, aiutare le persone, migliorare le loro vite. Cambiare il mondo, in un certo senso. Così, quando non hanno le mani impegnate a brandire un bisturi, i chirurghi si ritrovano con delle mani oziose. E a volte anche la mente le segue: si diventa un po’ pigri. Ci si prende tempo per... non fare niente. Ma in qualche occasione non fare niente può portare a cattive decisioni, o brutti pensieri.


Come le paure di Meredith per il suo bambino. Ma poi si torna al lavoro e i brutti pensieri non passano. Così, ecco la risposta: era tutto un inganno. Il segreto per stare bene, per realizzarsi e per ottenere dei risultati, è quello di essere sempre noi stessi. Quando lavoriamo o quando... oziamo. Il nuovo inizio al Grey Sloan Memorial Hospital coincide con un nuovo inizio per tutti, e naturalmetne con l’attesa riapertura del Pronto Sccorso. Con attrezzature nuove e una riorganizzazione che portano prontamente nuove sfide per tutti. Accettare di andare avanti, adeguandosi ai cambiamenti e dando il meglio in ogni circostanza. Perché alla fine, uno dei “tormentoni” nascosti dagli sceneggiatori più frequentemente in questi anni, in moltissimi episodi, è quello più utile per un nuovo inizio: adattati o muori.


Stai al passo, adeguati, aggiornati, mettici sempre nuovo entusiasmo. Mettiti alla prova e concentrati sull’unica cosa che ti serve davvero: la passione. Il vero motore del mondo. La passione e... la pazienza. Come quella esibita da Meredith (e anche da me, a dirla tutta) durante il ritrovato delirio amoroso di April. Cara, vecchia April. È tornata sentimentalmente isterica, confusa e monotematica. È tornata la vecchia se stessa, insomma. Ha di nuovo un ragazzo e boom: tutti i progressi e il processo di maturazione che l’avevamo vista compiere vengono cancellati in un baleno. That’s life...


La pazienza è anche quella mostrata da tutti nei confronti della Bailey, spinta dalla passione (ma guarda: sempre la stessa accoppiata... Pazienza e passione) per la mappatura del genoma umano, per la quale vuole l’attenzione del consiglio. Pazienza e passione. La loro perfetta combinazione porta a prendere la decisione giusta. Come quella di Meredith che, trovatasi di fronte a un cancro molto diffuso nella sua paziente che si pensava avesse solo dei calcoli, decide di richiudere perché non può fare altro. Accanirsi contro ciò che non si può cambiare è inutile, ed è l’esatto opposto dell’adattarsi. Anche se ci sono cose alle quale è difficile, se non impossibile, adattarsi.


Scoprire di punto in bianco che si sta per morire e non sapere perché, non trovare risposte, come la paziente di Meredith. In fondo, è sempre difficile. Tutto. Per tutti, anche se in maniera diversa. E allora c’è una cosa sola da fare: mantenere la calma. Ce lo spiega alla perfezione Derek mentre opera una ragazzina che rischia di non parlare più, o di restare paralizzata, o peggio. Mantenere la calma. Priprio quello che Cristina non riesce a fare quanco capisce che la sua posizione nel consiglio potrebbe ostacolare la sua carriera. Ed è esattamente quello che fa la Bailey quando si approfitta del pancione di Meredith per parlare della sua proposta di ricerca. 


Passione, pazienza, voglia di andare avanti, calma e capacità di adeguarsi. E capacità di valutare quando e cosa è il caso di fare. Perché certe volte non funziona tutto. e poi sembrano tutte cose in contrasto, o comuque cose che non possiamo fare allo stesso tempo. Ma non è così: proprio perché sono difficili e in contrasto, e faticose, e perché vanno scelte e valutate di volta in volta, sono “magiche”. Difficili da raggiungere, ma ne vale la pena. Come perdere del tempo oziando, anche quando dobbiamo affrontare qualcosa di spaventoso. Serve a trovare la giusta prospettiva. La morale? La solita: equilibrio. Di tutto un po’. Vivere al meglio, impegnarsi sempre, arrendersi mai. 

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.