Stai leggendo: Speciale Desperate Housewives: La sigla

Prossimo articolo: Grey's Anatomy: Kim Raver festeggia il suo ritorno sul set aprendo un account Instagram

Letto: {{progress}}

Speciale Desperate Housewives: La sigla

Una sigla che è composta dalle immagini, non sempre felici, della donna e della moglie attraverso la storia dell’umanità.

0 condivisioni 0 commenti


La sigla di Desperate Housewives è una delle più interessanti degli ultimi anni. Essa si compone di un collage di famosi quadri e immagini che fanno riferimento al ruolo della donna nella storia. Dalla primordiale Eva, alle principesse egizie, fino alla donna come moglie e, ovviamente, casalinga.


La sigla si apre con un quadro del ‘500 di Adamo ed Eva del pittore tedesco Lucas Cranach, dove nell’animazione vediamo un Adamo ancora oppresso dal matriarcato e schiacciato da una gigantesca mela. Erano tempi ancora felici, quando Eva usava probabilmente la costola di Adamo per tenere a bada il marito. Poi si passa all’immagine di una donna egizia, fasciata nel suo elegante abito, ma anche assediata dai suoi molti bambini, che letteralmente la affogano.


Inizia la storia delle casalinghe con il dipinto di Van Eyck che rappresenta marito e moglie, ma l’uomo, nella geniale animazione della sigla, si mangia una banana, buttando incurante la buccia alle sue spalle e indovinate a chi è che passa la scopa? Ovviamente alla sua disperata moglie, per di più incinta! Si passa poi al ritratto di due rigidi puritani, American Gothic, del pittore della depressione Grant Wood. Ma qui altro che depressione, c’è di che suicidarsi: quando il marito viene solleticato da una procace pin up, la moglie finisce direttamente in una scatola di sardine.


Si passa poi alle immagini pop anni ’50, con una nuova casalinga, forse più felice grazie all’aiuto degli elettrodomestici, ma sempre oppressa dalla spesa. E proprio una delle mitiche lattine Campbell di Andy Warhol è il pegno che un uomo porta alla sua bionda compagna, per farsi evidentemente perdonare, suscitando in lei una lacrima e facendosi dare un sicuramente meritato pugno in faccia.
Nel finale si torna all’albero con le mele del peccato e le nostre quattro casalinghe disperate; ma felici di poter cogliere la mela che può segnare l’inizio del loro riscatto!


E proprio la rossa mela del peccato è il simbolo fondamentale delle Desperate Housewives. Rappresenta la tentazione, che rischia di diventare vizio: rossa come il sangue che scorre nei misteri della serie. Infatti è proprio la mela l’elemento unificante dei due bellissimi promo della seconda e terza stagione, dove vediamo le nostre casalinghe in abiti bianchi super sexy alle prese con i loro peccati preferiti: Lynette e la gelosia, Bree e l’ira, Edie con l’invidia, Gabrielle e la lussuria e Susan, forse, con l’avarizia di non saper dare il suo cuore all’uomo giusto.
In sottofondo a questi filmati la canzone Juicy promette succosi intrighi…

Fosca Gallesio

25 giugno 2007

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.