Stai leggendo: Oltre le siepi di Wisteria Lane: alla scoperta delle Casalinghe Disperate – Gabrielle Solis

Prossimo articolo: Le celebri scarpe di Carrie di Sex and the City in versione low cost

Letto: {{progress}}

Oltre le siepi di Wisteria Lane: alla scoperta delle Casalinghe Disperate – Gabrielle Solis

“Perché tradisco mio marito? Perché non voglio svegliarmi una mattina con il desiderio di spararmi un colpo in testa!”

0 condivisioni 0 commenti



Abiti firmati, gioielli di platino, auto di lusso, un marito sexy e una casa da far invidia ad un pascià: Gabrielle Solis è l’emblema di un’esistenza votata al lusso e all’eccellenza.


La sua vita sembra perfetta: i vicini la vedono fare jogging al mattino, yoga all’ora di pranzo, shopping d’alta moda nel pomeriggio, eleganti party la sera. Ma cosa si nasconde dietro il giardino ben curato della splendida Gabrielle, ex modella delle passerelle di Milano? Beh, innanzitutto un giardiniere che ha la metà dei suoi anni, e che sembra essere l’unica ancora di salvezza in una vita monotona e priva di significato. Poi c’è suo marito Carlos, con cui è perennemente in guerra: una guerra subdola e machiavellica, dove la vittoria si gioca sulla capacità di far leva sulle debolezze dell’avversario fino a metterlo ko. Sì, perché il rapporto di Gabrielle con suo marito Carlos è prima di tutto un rapporto d’affari, con delle clausole vessatorie tutt’altro che implicite. Lui le garantisce una vita agiata, e lei lo ricambia nell’unico modo che conosce: la seduzione.


Ma chi è, in realtà, questa donna così sicura di sé da gestire il suo matrimonio come se fosse un conto in banca da cui attingere a piene mani? Ma, soprattutto, questa donna è davvero così superficiale da credere che basti questo per essere felice? Si, se ci si ferma alle apparenze. Ma, scrutando con occhio attento oltre la siepe del suo giardino, scopriamo che Gabrielle ha ben altri sogni, e ben altre priorità….è solo che lei non lo sa!
Ciò che contraddistingue Gabrielle dalle altre casalinghe di Wisteria Lane, è il fatto che sia completamente inconsapevole di ciò che vuole veramente. Mentre Bree, Susan e Lynette lottano ogni giorno per avvicinarsi il più possibile alla loro personale idea di felicità (accorgendosi ogni giorno che passa di come sia difficile inseguire i propri sogni), Gabrielle è la donna che crede di aver raggiunto ciò che desiderava, e che ad un certo punto si accorge di avere sbagliato completamente strada. Ciò che  più le rende difficile questa presa di coscienza, è il fatto di aver lottato con i denti per raggiungere un tale status quo, sposando un uomo che non amava per il solo piacere di indossare una collana di diamanti, e scegliendo la sicurezza economica come fine ultimo della sua esistenza.


Cresciuta in una famiglia povera, costretta a subire le angherie di una madre snaturata e le attenzioni di un patrigno perverso, Gabrielle crede che la sua più grande paura sia quella di tornare ad essere povera. Quando ciò accade, quando a causa dell’irresponsabilità di Carlos Gabrielle rischia di perdere tutto ciò che affannosamente ha conquistato, ecco che si accorge di aver speso tutte le sue energie per inseguire la luce di un diamante, dimenticando che una semplice pietra non può colmare il vuoto dell’anima. Gabrielle inizia a guardare alla sua vita con occhi diversi, cercando delle risposte a domande che non si era mai posta prima. Forse Gabrielle deve alle sue amiche più di quanto loro possano immaginare: è attraverso la saggezza di Bree, la forza di Lynette e l’ingenuità di Susan che Gabrielle scopre infatti, giorno dopo giorno, che la condivisione è l’unica cosa che ci rende davvero liberi.


Ma in Desperate, come sappiamo, il destino ha un modo tutto suo di portare a galla ciò che si cerca ostinatamente di nascondere, sia che si tratti di un misterioso baule che riposa nelle profondità di un lago, sia che si parli di un sentimento umano assopito nei meandri del cuore. E così Gabrielle scopre la maternità con la perdita, l’amore con il senso di colpa, e la fede con la solitudine. Da questo momento in poi, comincia anche per lei la perenne ricerca di una risposta certa in un mare di incertezze. Non può lontanamente immaginare cosa il destino abbia ancora in serbo per lei, quante altre maschere ancora da calare, e quanti giorni bui da attraversare. Ma ciò che è certo, è che Gabrielle Solis ha ricominciato a sfilare. E questa volta sulla passerella della vita.

21 giugno 2007

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.